Pandolce basso, alla genovese!


Con la mia amica da una vita, Ros, abbiamo realizzato un nuovo esperimento culinario, con una ricetta scovata da lei, che ha fiuto per queste cose e presa da questo link:
https://blog.giallozafferano.it/allacciateilgrembiule/pandolce-basso-genovese/
Complice una serata passata insieme anche con i nostri rispettivi compagni che ormai, sapendo della nostra passione nel pasticciare in cucina, ci lasciano provare per poi fare da assaggiatori ufficiali e devo dire che, sino ad oggi, si sono sempre leccati i baffi!


Ingredienti:
300 gr farina Manitoba
150 gr farina 00
150 gr di burro a temperatura ambiente
150 gr di zucchero semolato
25 gr di miele chiaro
2 uova medie a temperatura ambiente
1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio
1 bustina lievito in polvere per dolci
uvetta
canditi
pinoli
noci
mandorle pelate

Procedimento:
Tagliare con un coltello tutta la frutta secca quindi noci, pinoli, mandorle e nocciole, in maniera grossolana ed ammollare l'uvetta in acqua portata a bollore, scolarla dopo dopo una decina di minuti ed asciugarla.
Nella coppa della planetaria (ma l'impasto può essere fatto anche a mano) versare le due farine, lo zucchero, il lievito, il burro, il miele, l'acqua di fiori d'arancio e le uova.
Far impastare col gancio a velocità media, per una decina di minuti.
Ottenuto un impasto omogeneo, aggiungervi la frutta secca, i canditi e l'uvetta e far impastare ancora un poco al fine di distribuire il tutto in modo uniforme.
Preparare una teglia tonda, del diametro di 22/24 cm rivestendola di carta da forno, prendere l'impasto e lavorarlo leggermente con le mani dandogli la forma di una palla.
Metterla nella teglia e schiacciarla leggermente, praticare al centro, un taglio a forma di triangolo sulla superficie ed infornare in forno preriscaldato, nel nostro caso elettrico ventilato a 170°.
A noi ha cotto per circa 45/50  minuti, ma fare sempre la prova dello stecchino al centro del dolce.
Dovrà uscire da esso leggermente umido.
Quando pronto sfornare il pandolce e farlo raffreddare a temperatura ambiente, su una gratella.


Commenti

  1. Super super super! Io e mio marito amiamo uvetta e canditi e frutta secca...quindi questa ricetta fa al caso mio ;)
    Per un pò di giorni ancora abbiamo dei dolci di Natale da aprire e consumare, ma poi...vuoi mettere mangiare una delizia non confezionata ma fatta con le proprie mani?
    Un abbraccio, ciao Luna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara! Io non lo conoscevo ed averlo provato per la prima volta, è stato davvero entusiasmante ed il risultato è stato ottimo, per cui ne sono contenta! La penso come te, altro che il comprato...Fatto a casa è tutta un'altra storia :D

      Elimina
  2. Ciao Luna,
    quando abitavo a Carrara la vicinanza geografica con la Liguria faceva sì che sulbanco dei negozi si trovasse il pandolce genovese anche al taglio, che è entrato nella tradizione anche della città apuana.
    Mi farà molto piacere riscoprire quel buon sapore con la ricetta che hai condiviso:-)
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che io invece non lo conoscevo proprio, ma del resto abito a Roma ed il Liguria ahimè mai stata! Grazie Marilena, se lo proverai fammi sapere se ti avrà soddisfatta! Un bacio :*

      Elimina
  3. Lo adoro! E' una ricetta della mia infanzia che faceva prima mia nonna e poi mia mamma. Che bontà! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita solo io non lo conoscevo ancora!!!! Ma a questo serve il provare a casa e devo dire che questo dolce crea dipendenza ;) Un abbraccio a te :* E complimenti alla tua nonna ed alla tua mamma!

      Elimina
  4. Ho una zia che abita vicino a Genova e so quanto è speciale questo pandolce. Ti è venuto benissimo :)
    ne vorrei avere una fettina per la colazione di domani ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Danieluccia! Hai usato la parola giusta: speciale! Lo è davvero :D Un abbraccione a te :*

      Elimina
  5. Mi piace tantissimo, complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara :) In effetti non lo conoscevamo e non sapevamo neanche noi della sua grande bontà!

      Elimina
  6. Mamma che goduria!! Bellissimo questo Pandolce!! Beato a chi lo ha mangiato 😆 dovete vedervi più spesso con la tua amica!!! Un abbraccio Luna!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara, in effetti è stato un vero successo! Un abbraccione :*

      Elimina
  7. dev'essere buonissimo!!! che meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille carissima ^_^ Era davvero speciale :D

      Elimina

Posta un commento