mercoledì 20 settembre 2017

Torta variegata al cacao amaro e mandorle!

Questa torta è davvero iper mega golosa ed appena ho letto la ricetta su questa rivista: I sapori della cucina regionale italiana, non ho resistito ed ho voluto realizzarla.
Ho solo aggiunto le mandorle che a parer mio calzano a pennello e ben si sposano col cacao amaro!


Ingredienti per uno stampo da 26 cm di diametro:
450 gr di farina 00
350 gr di zucchero semolato
200 ml di latte a temperatura ambiente
100 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente
60 gr di cacao amaro
8 gr di cremor tartaro (facilmente reperibile nei supermercati ed in farmacia)
5 gr di bicarbonato di sodio
3 uova medie a temperatura ambiente
3 cucchiai di granella di mandorle
1 pizzico di sale fino


Procedimento:
Accendere il forno, nel mio caso elettrico con funzione tutto ventilato a 170° di temperatura.
Montare il burro con le frustine elettriche, fino ad ottenere una bella consistenza gonfia e spumosa.
Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi e neve ferma, con un pizzico di sale fino.
In una ciotolina unire tutto il cacao con 40 gr di zucchero semolato e mescolare con un cucchiaio.
Montare a lungo i tuorli con il restante zucchero semolato, quindi quando la consistenza sarà spumosa, spegnere le frustine ed aggiungere il latte, il burro, la granella di mandorle e la farina setaciandola assieme al cremor tartaro ed al bicarbonato di sodio, riprendere a lavorare fino a che il tutto sarà ben amalgamato.
Unire quindi anche gli albumi con un cucchiaio delicatamente e con movimento dal basso verso l'alto per non farli smontare.
Versare i 2/3 del composto in una teglia precedentemente imburrata ed infarinata, livellandone bene la superficie.
Al composto avanzato invece aggiungere lo zucchero e cacao che erano stati mescolati assieme precedentemente e girare bene con un cucchiao per farli amalgamare.
Versare infine questo composto marmorizzato sulla superficie dell'impasto nella teglia, utilizzando un il manico di un cucchiao per fare un effetto a zigzag.
Infornare e cuocere, nel mio caso per 45/50 minuti circa.
Sfornare e lasciar raffreddare il dolce prima di prelevarlo dallo stampo e porlo su un piatto da portata.


lunedì 18 settembre 2017

Risotto con funghi e salsiccia!

L'arrivo dell'Autunno è per me fonte di gioia perchè adoro i colori caldi come l'arancione e le zucche, il cadere delle foglie e quel dolce tepore della propria casa.
Ed in cucina ci si può finalmente accostare a forno e fornelli per sbizzarrirsi tra zuppe, vellutate e risotti come in questo caso, funghi e salsiccia...intramontabile ever green!


Ingredienti:
riso qualità Arborio
brodo vegetale
salsiccia
funghi misti secchi
pepe nero macinato
sale fino
scalogno
burro

Procedimento:
Ammollare i funghi secchi ricoprendoli di acqua calda, lasciarli dentro per una buona mezz'ora, quando morbidi lavarli sotto acqua corrente.
Io non utilizzo mai per cucinare, l'acqua in cui li ho lasciati in ammollo, in quanto preferisco fare il brodo vegatale, ma se la si vuole utilizzare bisogna filtrarla molto bene al fine di eliminare impurità e terriccio.
Tagliarli a pezzetti e sbriciolare la salsiccia (privata della pelle) con le mani.
Far soffriggere lo scalogno (io ne utilizzo metà) tritato finemente, con una noce di burro ed aggiungervi i funghi e la salsiccia.
Cuocere il tutto per una decina di minuti quindi aggiungervi il riso, io di solito ne misuro circa una tazzina da caffè a persona.
Far tostare un paio di minuti il riso quindi versare brodo vegatale caldo sino a ricoprirlo.
Girare spesso ed aggiungerve via via mestoli di brodo ogni qualvolta il riso lo abbia assorbito.
Verso fine cottura salare e pepare ed aggiungere una noce di burro poco prima di impiattare, girando e mantecando il tutto quindi versare il risotto bello fumante nei piatti.


giovedì 14 settembre 2017

Ciambellone all'acqua e yogurt, senza uova!

Ho provato questo ciambellone senza uova, in quanto le avevo terminate e devo dire che mi è molto piaciuto.
Ottimo successo da bissare più avanti e poi lo yogurt rende tutto così morbido, mentre l'uvetta aggiunge sfiziosità al gusto!


Ingredienti per uno stampo da 22/24 cm di diametro:
1 vasetto di yogurt alla vaniglia, da 125 gr
2 vasetti di zucchero semolato
1 vasetto di olio di semi di girasole
1 vasetto di acqua minerale a temperatura ambiente
3 vasetti di farina 00
1 bustina di lievito in polvere per dolci
uvetta q.b.
acqua d rubinetto q.b.
zucchero a velo q.b. (facoltativo)

NB:
Si utilizza il vasetto vuoto dello yogurt, come misurino per tutti gli ingredienti.

Procedimento:
Accendere subito il forno, nel mio caso a 170°, elettrico con funzione tutto ventilato.
Mettere a bollire dell'acqua di rubinetto, una quantità sufficiente a ricoprire l'uvetta completamente.
Quando bella bollente tuffarci l'uvetta lasciandola in ammollo una decina di minuti, passsato questo tempo scolarla ed asciugarla.
Montare con le frustine elettriche in una ciotola capiente, lo zucchero con lo yogurt e l'olio di semi, aggiungervi la farina setacciandola assieme al lievito e l'acqua minerale, ottenere un composto omogeneo in cui tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati.
Per ultimo aggiungervi l'uvetta girando appena appena il composto con un cucchiaio.
Versare il tutto in uno stampo imburrato ed infarinato, nel mio caso ho saltato questo passaggio in quanto ho utilizzato uno stampo in silicone.
Cuocere per almeno 45 minuti ma controllare sempre la cottura prima di spegnere il forno.
Quando il dolce sarà cotto prelevarlo dal forno ma lasciarlo ancora nello stampo.
Quando freddo, toglierlo dallo stampo e metterlo su una gratella quindi spolverizzarlo con zucchero a velo se si vuole ed infine passarlo su un piatto da portata e gustare!


Nella fotografia sottostante vi è lo stampo che ho utilizzato.

martedì 12 settembre 2017

Madeleine al sapore di 'Nduya!

Tempo fa mi è presa la voglia di realizzare le Madeleine.
Ma girovagando per il web alla ricerca di una ricetta per farle dolci, mi sono invece imbattuta in diverse varianti salate e così ho raccolto un poco di qua ed un poco di là et voilà, è nata la mia ricetta!



Ingredienti per circa 40 Madeleine:
2 uova a temperatura ambiente
25 ml di latte
50 ml di olio di oliva
80 gr di farina 00
1/2 bustina di lievito in polvere per salati
2 cucchiai di 'Nduya (nel mio caso sott'olio)
1 cucchiaio di pecorino romano grattugiato
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato 
1 cucchiaio di trito di erbette miste: basilico, prezzemolo, erba cipollina, menta, mentuccia
sale fino q.b.
pepe macinato q.b.
Procedimento:
In una ciotola mescolare le uova con l'olio e la farina.
Aggiungere la 'Nduya, il pecorino, il parmigiano ed il trito di erbette e mescolare bene per amalgamare, infine aggiustare di sale e pepe.
In ultimo versare il lievito e mescolare per farlo assorbire.
Mettere la ciotola col composto a riposare in frigorifero, coperta da pellicola per alimenti. per una buona mezz'ora.
Una volta passato questo tempo, accendere il forno, nel mio caso a 170° elettrico con funzione tutto ventilato.
Versare il composto in uno stampo per Madeleine riempiendo ogni vano per i 2/3 della sua capienza.
Infornare e cuocere sino a doratura in superficie, nel mio caso 20/25 minuti.
Nel frattempo che si cuociono le Madeleine, conservare il restante impasto nel frigorifero, in attesa di essere utilizzato appena si sfornano le precedenti.
Farle raffreddare su una gratella e se gustate tiepide sono il top!


domenica 10 settembre 2017

Cucchiaini di pasta sfoglia con crema di zucchine!

Questa sfiziosità l'ha trovata il mio compagno Blade durante il suo girovagare online, ha voluto che li realizzassimo durante una cena con sua mamma ed i miei genitori.
Mi sono piaciuti appena li ho visti, sono particolari e sfiziosi e si può scegliere la farcitura a gusto personale e pertanto sono molto versatili!


Ingredienti:
rotolo di pasta sfoglia rettangolare
zucchine romanesche
formaggio fresco spalmabile light (Philadelphia)
erba cipollina fresca
olio evo
sale fino
pepe nero macinato

Procedimento:
Tagliare le zucchine in piccoli pezzetti quindi cuocerle in padella con olio evo, sale fino, erba cipollina tritata ed una macinata di pepe nero.
Quando morbide ma non sfatte, prelevarne una piccola quantità mettendola per ora in una ciotolina e versare invece tutta la restante parte nella coppa di un mixer assieme al formaggio fresco.
Far lavorare il mixer al fine di amalgamare il tutto sino ad ottenere un composto cremoso.
Stendere la pasta sfoglia sulla carta da forno in cui è avvolta.
Utilizzare i cucchiaini che devono essere di acciaio inox in quanto in seguito andranno nel forno, poggandoli sulla sfoglia in modo che la parte convessa (quindi il dorso) sia a diretto contatto con essa e distanziandoli gli uni dagli altri di qualche centimetro.
Ritagliare con un coltello a lama liscia, i contorni di ogni cucchiaino a circa mezzo cm di stanza da ognuno di essi.
Prendere via via tutti i cucchiaini di sfoglia con sopra quelli di acciaio ed appoggiarli su una placca rivestita di carta da forno distanziandoli gli uni dagli altri un poco, in cottura infatti si gonfieranno.
Cuocere in forno preriscaldato per circa 15 minuti, quando cotti prelevarli e farli raffreddare su una gratella, reimpastare la restante pasta sfoglia, stenderla nuovamente e formare con essa altri cucchiaini con la stessa procedura di prima.
Quando terminata la pasta sfoglia, cotti e raffreddati tutti i cucchiaini, provvedere a farcirli.
Mettere la crema di zucchine in una sac a poche e riempire ogni cucchiaino, quindi al centro aggiungervi un poco delle zucchine a pezzetti lasciate precedentemente da parte, pronti!



giovedì 7 settembre 2017

Focacce di patate con pachino e rosmarino!

Settembre è arrivato ed ha portato finalmente con sè, il fresco e la voglia di fare, pasticciare e cucinare che lo ammetto, nei mesi passati era davvero finita nel dimenticatoio sommata però al persistente dolore per essere stata licenziata dopo ben 17 anni.
Pertanto quasi tutte le ricette sin'ora pubblicate, appartengono a diversi mesi fa.
Ma il tempo passa e cose, persone e situazioni si sono mostrate finalmente a me per quelllo che erano ed ho acquistato consapevolezza che chiusa una porta, è vero che si apre un portone o comunque tante possibilità e voglio provare a darmene almeno una!


Ingredienti per l'impasto:
300 gr di farina 00
200 ml di acqua tiepida
100 gr di semola rimacinata di grano duro
5 gr di lievito di birra  (dal classico cubetto)
2 cucchiai di olio di oliva
1 cucchiaio di sale fino
1 patata media

Per l'emulsione:
35 ml di acqua
25 ml di olio di oliva
rosmarino q.b.
sale grosso q.b.

Altri ingredienti:
pomodori pachino
origano secco tritato q.b.
olio evo q.b.


Procedimento con planetaria nel mio caso:
Pilire bene la patata e lessarla, quando morbida scolarla, togliere la buccia e schiacciarla.
Ancora tiepida versarla nella coppa della planetaria assieme alla farina ed alla semola. 
Aggiungervi il sale e l'olio ed iniziare ad impastare utilizzando il gancio a velocità media.
Sciogliere il lievito in un poco di acqua prelevata da quella totale e versarla nella coppa e sempre con la planetaria in funzione aggiungere la restante acqua, poco per volta.
Far lavorare il gancio sino a quando non si saranno amalgamati tutti gli ingredienti e si sarà formato un bel composto liscio ed elastico che si staccherà via facilmente.
Se fosse necessario, ovvero se l'impasto dovesse risultare ancora appiccicoso, aggiungere un poco di farina o di semola.
Lavorarla con le mani sul proprio tavolo e dare all'impasto la classica forma a panetto.
Metterlo a lievitare in una ciotola capiente.
Io l'ho messo nella coppa della planetaria infarinandone leggermente il fondo, l'ho quindi avvolta in un plaid e messa nel forno a microonde con la lucina accesa per emanare calore durante tutte le ore di lievitazione ed ho avvolto in un plaid anche il microonde.
Ho lasciato lievitare più ore più di quelle previste dalla ricetta originale, in quanto preferisco utilizzare poco lievito.
Una volta che il panetto sarà bello morbido, gonfio e con le classiche bollicine dell'avvenuta lievitazione, prelevarlo dalla coppa, lavorarlo di nuovo leggermente sul proprio tavolo e metterlo in una teglia unica rivestita di carta da forno o leggermente unta con l'olio oppure in tante piccole teglie.
Premere l'impasto con i polpastrelli per allargarlo ed in modo anche da lasciare dei piccoli incavi.
In una ciotola preparare l'emulsione con acqua, olio, sale grosso e rosmarino, mescolare il tutto e quando pronta (ovvero quando il sale sarà sciolto) versarla con un cucchiaio sulla superficie delle focaccie in modo che sia abbastanza uniforme e che finisca negli incavi.
Alcune le ho invece fatte con i pachino e l'origano.
Lavare e tagliare a metà i pomodori pachino quindi sistemarli sulla superficie premendoli nell'impasto e cospargere con origano, irrorare leggermente con olio evo.
Cuocere in forno preriscaldato, tra i 180°/200°, nel mio caso elettrico con funzione tutto ventilato, per circa 20/25 minuti, ma per tempistica e temperatura regolarsi sempre col proprio elettrodomestico.
Quando le foccacce saranno cotte farle raffreddare fuori dal forno.
Volendo si possono tagliare a metà e farcirle con ciò che si preferisce.
L'impasto si può fare anche tranquillamente a mano, ci vorrà solo più tempo e più forza.


sabato 2 settembre 2017

Crostata all'olio con confettura alle pesche!

Questa crostata l'ho realizzata per una cena che il mio compagno Blade ha fatto con alcuni sui colleghi ed è stata un successo.
Farcita con la Confettura di pesche Nettarine gialle, fatta da me e con un sottile strato di granella di mandorle sulla base, è stata graditissima!


Ingredienti per uno stampo da 24/26 cm di diametro:
3 uova medie a temperatura ambiente
380 gr di farina 00
200 gr di zucchero di canna
100 ml di olio di semi di girasole
50 gr di fecola
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
la scorza grattugiata di un limone grande
granella di mandorle q.b.
ciliegie candite rosse e verdi q.b.
confettura di pesche Nettarine gialle, la mia

Procedimento:
In una ciotola capiente o sul proprio tavolo da lavoro, formare una fontana con lo zucchero e le farine amalgamando il tutto e nel centro versare le uova, l'olio, la scorza grattugiata del limone ed il lievito, impastare quindi come una normale pasta frolla.
Se necessario aggiungere un poco di farina sulle proprie mani mentre la si lavora o direttamente nell'impasto.
Quando ottenuto un bel panetto liscio farlo riposare una quindicina di minuti in frigorifero avvolto in pellicola trasparente per alimenti.
Riprendere il panetto dal frigorifero, prelevare da esso una quantità sufficiente a formare dei fiorellini e col tutto il restante impasto rivestire uno stampo precedentemente imburrato ed infarinato.
Bucherellare la pasta frolla qua e là per evitare che si gonfi in cottura, cospargere con la granella di mandorle quindi versare la confettura livellandola per bene ed infine decorare con i fiorellini ottenuti da stampini taglia pasta e con uno bello grande al centro, aggiungervi le ciliegie candite alternandole a seconda del colore ed infornare.
Cuocere sino a completa cottura e leggera doratura esterna.

NB:
Come ormai chi mi segue da anni saprà, adoro i Barbabapapà, in particolar modo il Papà rosa, sono collezionista ed il nome del blog è nato proprio dal mio amore per loro e per il pasticciare in cucina!
Pertanto vi mostro gli ultimi arrivati in casa: benvenuti!!!


lunedì 21 agosto 2017

Tortine con mandorle, nocciole e ghiaccia reale!

Queste tortine le ho fatte alcuni mesi fa, una per i miei genitori ed una per la mamma del mio compagno Blade, quando andiamo da loro infatti non lo facciamo mai a mani vuote!


Ingredienti per una tortina da 20 cm di diametro:
200 farina 00
160 ml di latte
150 gr di zucchero semolato
80 ml di olio di semi di girasole
50 gr di farina di riso
1 uovo medio a temperatura ambiente
1 pizzico di sale fino
1 bustina di lievito in polvere per dolci
il succo di 1/2 limone
la scorza grattugiata di 1 limone 

Procedimento:
Accendere il forno, nel mio caso elettrico con funzione tutto ventilato, temperatura a 170°.
Montare le uova con lo zucchero, il pizzico di sale e l'olio.
Aggiungervi le due farine setacciando quella 00 col lievito, versare la scorza grattugiata del limone, il succo ed il latte, riprendere a montare fino ad ottenere un composto in cui tutti gli ingredienti siano ben amalgamati.
Versarlo in uno stampo precedentemente imburrato ed infarinato, operazione da me saltata in quanto ne ho utilizzati due da 20 cm di diametro ognuno, in silicone.
Infornare e quando cotto (nel mio caso hanno impiegato cotti insieme circa 40 minuti) toglierlo dal forno e farlo raffreddare del tutto prima di estrarlo dallo stampo.

Ingredienti per la decorazione:
mandorle pelate
nocciole pelate
ghiaccia reale colorata

Ingredienti per la ghiaccia reale:
250 gr di zucchero a velo
1 albume medio
coloranti alimentari in gel, verde e giallo

Procedimento:
In una ciotola versare lo zucchero a velo e l'albume quindi con le frustine elettriche ottenere un bel composto bianco che dovrà rimanere attaccato alla ciotola se si fa la prova girandola sotto sopra.
Dividere il composto in due diverse ciotole ed in ognuna aggiungere gocce di colorante mescolando sempre con le frustine elettriche, per ottenere le tonalità desiderate ed uniformi.
Versare poi le glasse in due sac a poche differenti e con beccucci a forma di stella, con esse formare le decorazioni ed aggiungervi subito sopra le nocciole e le mandorle.


Di seguito in fotografia gli stampi in silicone che ho utilizzato.


venerdì 18 agosto 2017

Semifreddo all'ananas, delizioso e rinfrescante!

Ferragosto, festa per molte persone ed in casa nostra è anche doppia in quanto mio Papà compie gli anni e quindi una bella e buona torta home made, non può mancare.
Edssendo molto alte le temperature estive qui a Roma, un goloso e rinfrescante semifreddo è stata la scelta giusta, complimenti a me!


Ingredienti per la base da 24 cm:
250 gr di biscotti secchi
90 gr di burro

Ingredienti per la farcia:
500 ml di latte
250 gr di ananas sciroppate
80 gr di zucchero semolato
40 gr di fecola di patate
10 gr di colla di pesce (la classica in fogli)
3 tuorli medi
2 yogurt gusto ananas

Ingredienti per la gelatina all'ananas:
170 ml di succo sciroppato delle ananas
50 gr di zucchero
3 cucchiai di fecola di patate
colorante alimentare giallo in gel, q.b.

Ingredienti per la decorazione:
fettine di ananas sciroppate
cieliegie candite o fresche (se è stagione)
foglioline di menta fresca

Procedimento per base e farcia:
Mettere i biscotti nella coppa di un mixer e farli sbriciolare.
Sciogliere il burro fino a fonderlo del tutto e versarlo su di essi.
Mescolare bene con un cucchiaio per amalgamare.
Foderare sia il fondo di uno stampo a cerniera sia le sue pareti, con carta da forno attaccandola con un poco di burro con cui ungere leggermente lo stampo.
Versare il composto di biscotti e burro, distribuirlo in modo omogeneo ed appiattirlo con le mani o col dorso di un cucchiaio in modo che l'intera superficie sia liscia.
Se non si possiede lo stampo a cerniera, si può mettere la base di biscotti direttamente su un piatto da portata su cui si è stato appoggiato il cerchio estensibile regolato sui 24 cm, che andrà poi tolto quando la torta si sarà solidificata completamente, aprendolo semplicemente e tirandolo su delicatamente.
Mettere lo stampo in frigorifero per una buona mezz'ora o se si ha fretta, nel freezer una quindicina di minuti.
Passato questo tempo necessario affinchè la base si solidifichi, mettere la colla di pesce in una ciotolina coperta da acqua fredda, per ora lasciarla da parte intanto che si ammorbidisce.
Nel frattempo preparare la farcia.
Frullare le ananas nella coppa di un mixer sino ad ottenere una morbida purea.
In un pentolino versare il latte e scaldarlo a fiamma moderata senza portarlo ad ebollizione.
In una ciotola sbattere i tuorli con lo zucchero ed aggingervi poco per volta tutta la fecola lavorando il composto, sempre con le frustine elettriche.
Aggiungerlo al latte contenuto nel pentolino che sarà diventato bello caldo, mescolare con una frustina in silicone, sino a quando la crema si sarà addensata per bene e spegnere la fiamma.
Strizzare la gelattina che sarà ormai bella morbida ed aggiungerla alla crema ancora calda, versarvi dentro anche lo yogurt e la purea di ananas.
Mescolare il tutto con un cucchiaio di legno, sino a quando il composto sarà ben omogeneo.
Riprendere lo stampo a cerniera in cui vi è la base di biscotti e versare su di essa, tutta la farcia livellandola se necessario.
Rimettere in frigorifero per almeno 5/6 ore.
Passato questo tempo si può preparare la gelatina ovvero in un pentolino versare il succo delle ananas, lo zucchero, la fecola di patate e gocce di colorante, a fiamma moderata.
Girare tutto con una frustina in silicone sino a quando la gelatina si sarà addensata, non dovrà quidi essere liquida.
Farla raffreddare a temperatura ambiente girandola di tanto in tanto.
Quando già tiepida, riprendere lo stampo dal frigorifero e versarla sulla superficie al centro, per coprire tutto basterà piegare lo stampo leggermente verso destra e sinistra onde riempire gli spazi vuoti.
Mettere la torta in frigogrifero e e decorarla poco prima di servirla, utilizzare fettine di ananas, ciliegie candite e foglie di menta fresca.
Tenere la torta in frigorifero sino al momento del taglio.
Consiglio di preparare il semifreddo il giorno prima della consumazione.

NB:
Per la ricetta ho preso spunto dal video della blogger Uccia:
https://www.youtube.com/watch?v=r3xLB8PVnsE


mercoledì 9 agosto 2017

Bruschette con crema di mortadella e pistacchi!

Il caldo torrido ormai la fa da padrone da ben tre mesi e qui a Roma, così come in molte altre città, è diventato insopportabile ed irritante.
Accendere il forno pertanto è proibitivo se non ci si vuol sentire male, ma certo cucinare qualcosa di sfizioso è sempre piacevole come queste bruschette veloci e golose!


Ingredienti:
filoncino di pane di semola rimacinata di grano duro
fettine di mortadella senza pistacchi
formaggio cremoso spalmabile light, tipo Quark o Philadelphia
granella di pistacchi
pepe nero macinato
sale fino

Procedimento:
Tagliare le fettine di mortadella in piccole parti quindi metterle nella ciotola di un mixer assieme al formaggio, pepare e salare leggermente quindi ridurre il tutto a crema.
Mettere questo composto in una sac a poche con beccuccio tondo largo.
Scaldare sul fornello a gas una griglia o la classica bistecchiera.
Tagliare il filoncino di pane a fettine alte circa 2 cm, bruschettarle quindi da ambo i lati e farle poi raffreddare tutte a temperatura ambiente.
Utilizzando la sac a poche distribuire la crema di mortadella sulla superficie di ogni fettina di pane, sino a coprirla interamente e cospargere con la granella di pistacchi.
Bruschette pronte senza aver sudato sette camicie!


venerdì 4 agosto 2017

Salsiccia Luganega di pollo con patate speziate!

Il forno in estate non è propriamente piacevole accenderlo pertanto se lo si può sostituire almeno con i fornelli è tanto di guadagnato, come in questo caso.
Salsiccia e patate sono un'accoppiata vincente ed un piattino non si rifiuta mai, anzi tutt'altro!


Ingredienti:
salsiccia Luganega di pollo
patate rosse
sale fino
olio di semi di soia
peperoncino fresco
paprika dolce
zenzero fresco
Tandoori Masala in polvere

Procedimento:
Sbucciare le patate e tagliarle a fettine di medio spessore, metterle in una ciotola assieme al peperoncino fresco tritato molto finemente, alla paprika dolce, al Tandoori Masala ed allo zenzero fresco grattugiato anch'esso finemente, oliare il tutto ed aggiustare di sale.
Mescolarle per bene e lasciarle insaporire per una buona mezz'ora, ponendo la ciotola in frigorifero.
Passato il tempo, versare le patate in una padella antiadernete su un fondo di poco olio, evitando di muoverle o giralre troppo durante la cottura, a fiamma media con coperchio semi chiuso.
A metà cottura aggiungervi la salsiccia Luganega tagliata in piccole parti di circa 5 cm di lunghezza, quando tutto sarà cotto servire nei piatti.


mercoledì 2 agosto 2017

Fusilli con asparagi e gamberetti!

Un primo piatto a casa nostra è sempre gradito, estate ed inverno.
Questo l'ho cucinato ormai alcuni mesi fa ma presto lo ripeterò perchè è molto gustoso, seppur nella sua semplicità!


Ingredienti:
fusilli
acqua 
sale grosso
gamberetti sgusciati (congelati nel mio caso)
asparagi
olio di semi di girasole
sale fino
pepe nero macinato
zenzero fresco 

Procedimento:
Mettere a scaldare l'acqua per la pasta e salarla col sale grosso, quando inizierà il bollore, tuffarci dentro i fusilli.
Nel frattempo che la pasta cuoce, preparare il condimento.
Lavare gli asparagi, togliere la parte dura dei gambi e tagliare il resto a pezzetti da circa 1 cm ciascuno.
Versare sul fondo di una padella antiaderente dell'olio di semi di girasole e quando caldo, versarci dentro gli asparagi tagliati a pezzetti e salandoli a piacere, cuocerli per alcuni minuti ma lasciarli comunque croccanti,
Sbollentare intanto i gamberetti per 2/3 minuti quindi scolarli, controllare se via sia ilfilamento nero e se sì, eliminarlo, aggiungerli quindi agli asparagi.
Aggiustare di sale se necessario, aggiungervi una macinata di pepe nero e una grattugiata di zenzero fresco e mantecare riaccendendo la fiamma del gas per un paio di minuti.
Quando i fusilli saranno pronti, scolarli e versarli nella padella col condimento, amalgamarli bene e se necessario aggiungervi anche qualche cucchiaio di acqua di cottura, versare infine nei piatti.


lunedì 31 luglio 2017

Timballo farcito di penne all'arrabbiata!

Tempo fa poichè da un precedente pranzo ci era avanzato un piatto di penne all'arrabbiata, ho pensato di riutilizzarle, cambiandone aspetto.
Di solito quando rimane un poco di pasta, lunga o corta che sia, la riciclo facendola diventare una golosa frittata, ma questa volta ho voluto provare una ricetta diversa!


Ingredienti per la pasta brisèe, stampo da 20/22cm di diametro:
200 gr di farina 00
100 gr di burro
70 ml di acqua molto fredda
1 pizzico di sale fino

Procedimento:
Tagliare a cubetti il burro freddo di frigorifero.
Sul proprio tavolo da lavoro, disporre a fontana la farina e nell'incavo centrale versare il burro con un pizzico di sale fino.
Amalgamare gli ingredienti pizzicando l'impasto sino ad ottenere un composto sabbioso e farinoso nel cui centro andrà versata l'acqua.
Lavorare velocemente gli ingredienti per ottenere una consistenza soda ed elastica, formare un panetto che andrà avvolto in pellicola trasparente per alimenti e messo a riposare in frigorifero per 40 minuti circa.

Ingredienti per la farcitura:
1 piatto di penne all'arrabbiata (o altro tipo di pasta)
1 mozzarella di bufala, media
1 uovo medio
2 cucchiai di parmigiano grattugiato

Procedimento:
Accendere il forno, nel mio caso elettrico con funzione tutto ventilato, a 180°.
Tagliare finemente la mozzarella utilizzando una mezzaluna o un mixer.
Metterla in una ciotola assieme alla pasta ed aprirci sopra l'uovo, cospargere infine con il parmigiano.
Mescolare il tutto con un cucchiaio.
Rivestire una teglia tonda con carta da forno.
Prelevare dalla brisèe una quantità di pasta sufficiente a formare il disco che farà da coperchio al tortino.
Porre la rimanente pasta sul proprio tavolo da lavoro e col mattarello leggermente infarinato, stenderla formando un tondo con cui rivestire l'intera teglia.
Bucherellarla qua e là leggermente con i rebbi di una forchetta e versarvi il composto livellandolo per bene, infine porre sopra il disco di pasta lasciato da parte precedentemente sigillando con le mani tutto il bordo.
Infornare e cuocere sino a completa cottura e doratura esterna.
Nel mio caso circa una mezz'oretta.
Gustare il timballo tiepido!


sabato 29 luglio 2017

Friggitelli con tonno, pachino, capperi ed olive!

Adoro i friggitelli ripieni e spesso li cucino per me ed il mio compagno Blade; anche lui ne è ghiotto!
Facili e veloci con cottura in padella, sono graditi anche in piena estate in cui la voglia di cucinare diminuisce con l'aumento delle afose temperature.


Ingredienti:
friggitelli
tonno al naturale in lattina
pomodori pachino 
capperi sott'aceto
olive nere denocciolate
prezzemolo fresco 
basilico fresco
sale fino
olio di semi di girasole

Procedimento:
Lavare ed asciugare i friggitelli e metterli in una padella antiaderente su un fondo di olio di semi di girasole, salarli e farli cuocere a fiamma moderata con coperchio chiuso.
Girarli mano a mano che si coloriranno da tutte le parti e quando pronti spegnere la fiamma, metterli su un piatto e farli raffreddare, quindi inciderli in verticale al centro, aprirli, togliere e gettar via semini e filamenti.
Preparare il ripieno schiacciando con una forchetta il tonno ed aggiungendovi un trito di capperi lavati sotto acqua corrente, le olive nere tagliate a pezzetti, i pomodori pachino tagliati in piccole parti ed un trito di basilico e prezzemolo.
Riempire ogni friggitello con questa farcia, richiudere bene e scaldarli un attimo in padella prima di servirli.

giovedì 27 luglio 2017

Pollo con peperoni allo zenzero e pinoli!

Seppur io ami la cucina italiana che per me è imbattibile ed insostituibile, la migliore in assoluto, ogni tanto mi piace però mangiare nei ristoranti cinesi, indiani e libanesi.
Così è nato questo piatto, dopo averlo mangiato in un ristorante cinese, ho pensato di riproporlo a casa ed è stato molto apprezzato!


Ingredienti:
peperoni rossi
petto di pollo
pinoli
zenzero fresco
salsa di soia con sale
olio di semi di girasole

Procedimento:
Lavare ed asciugare i peperoni ed arrostirli, quando la pelle sarà bella bruciacchiata, metterli in un sacchetto di plastica per alimenti.
Lasciarli dentro per una buona mezz'ora quindi procedere ad eliminare la pelle che verrà via facilmente e quando puliti tagliarli a listarelle.
Tostare leggermente i pinoli in una padellina quindi farli raffreddare.
Ridurre il petto di pollo in piccoli bocconcini e versarlo in una padella antiaderente con olio di semi di girasole, far cuocere e poco prima di spegnere la fiamma, aggiungervi i pinoli, i peperoni, una grattata di zenzero fresco e la soia.
Far assorbire quest'ultima quindi spegnere la fiamma e servire nei piatti.


lunedì 24 luglio 2017

Plumcake goloso con gelsi essiccati!

Tempo fa mio papà mi ha regalato una bella bustina di gelsi essiccati, che lui gusta a colazione assieme alla frutta secca.
Avevo già mangiato i gelsi freschi ma mai quelli secchi e questi ultimi li ho trovati anche più gustosi devo essere sincera, hanno un sapore davvero piacevole ed hanno arricchito il mio plumcake, grazie papà!


Ingredienti per uno stampo da plumcake di 30 cm di lunghezza:
3 uova piccole a temperatura ambiente
375 gr di farina 00
125 gr di zucchero di canna
125 gr di zucchero semolato
125 gr di yogurt bianco dolce
125 ml di olio di semi di girasole
8 gr di cremore tartaro (lo si trova in vendita sia nelle farmacie che nei supermarket)
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 pizzico di sale fino
gelsi essiccati q.b.
zucchero a velo vanigliato q.b.

Procedimento:
Accendere il forno, nel mio caso elettrico con funzione tutto ventilato, a 170°.
Foderare uno stampo da plumcake con della carta da forno precedentemente passata sotto acqua corrente e poi strizzata bene.
Montare le uova con il pizzico di sale, i due zuccheri e l'olio.
Aggiungervi lo yogurt, la farina setacciandola, il cremore tartaro ed il bicarbonato di sodio e riprendere a lavorare fino ad ottenere un bel composto morbido.
Versarlo nello stampo e cospargere la superficie con i gelsi, infornare e cuocere sino a completa cottura e doratura esterna.
Nel mio caso circa 45 minuti.
Quando il dolce sarà pronto farlo raffreddare fuori dal forno e dallo stampo, su una gratella.
Appena freddo spolverizzare con abbondante zucchero a velo, togliere la carta da forno, metterlo su un piatto da portata e cospargere con un poco di gelsi.

NB:
Se si ha difficoltà nel reperire il cremore tartaro, lo si può sostituire con una bustina da 16 gr di classico lievito in polvere per dolci.
E se non si hanno gelsi a disposizione, si può ad esempio utilizzare l'uvetta.


giovedì 20 luglio 2017

Torta soffice al burro con pinoli!

Il nostro Barba forno resta spento per molto tempo durante le calde estati romane per cui spesso le ricette che pubblico che ne prevedono l'uso, tranne rare eccezioni, appartengono ai mesi autunnali ed invernali.
Ed anche questa torta l'abbiamo gustata ormai diverso tempo fa, mi ricordo che mi piacque molto ma alla larga chi è a dieta!


Ingredienti per una tortiera di diametro 22/24 cm:
100 gr di farina 00
100 gr di fecola di patate
200 gr di burro
200 gr di zucchero semolato
2 uova medie a temperatura ambiente
2 tuorli medi
1 limone grande
1 pizzico di sale fino
pinoli q.b.
gocce di cioccolata q.b.

Procedimento:
Accendere il forno, nel mio caso a 170°, elettrico con funzione tutto ventilato.
Separare gli albumi delle due uova intere dai rispettivi tuorli e montarli con un pizzico di sale fino, a neve ben ferma.
Riporli momentaneamente in frigorifero.
Ammorbidire il burro nel forno oppure nel microonde, dovrà essere quasi sciolto.
Lavorare con le frustine elettriche i 4 i tuorli assieme allo zucchero ed unirvi mano a mano il burro sempre montando fino ad ottenere un composto soffice ed omogeneo.
Aggiungere il succo di limone e la sua scorza grattugiata ed infine le due farine setacciandole, riprendere a montare per un paio di minuti.
Fermare le frustine ed aggiungere gli albumi al composto con una paletta delicatamente, con movimenti dal basso verso l'alto per non farli smontare.
Ungere ed infarinare una teglia tonda e versarvi il composto, cospargere con pinoli e gocce di cioccolata ed infornare.
Cuocere per almeno una mezz'ora ma ovviamente controllare sempre prima di spegnere il forno, una volta pronta farla raffreddare nella teglia al di fuori del forno.
Quando fredda prelevarla dallo stampo e spolverizzarla con abbondante zucchero a velo.
Buon Barba Appetito!

lunedì 17 luglio 2017

Confettura di pesche Nettarine gialle!

Devo dire che dopo aver realizzato la confettura alle fragole con vaniglia, alle mela con cannella ed alle pere con zenzero, non potevo non fare anche quella alle pesche.
E' un frutto che ho sempre amato, in particolar modo le Nettarine gialle così dolci e succose e si possono gustare anche con l'ottima buccia che difatti non ho tolto assolutamente!


Ingredienti:
350 gr di zucchero semolato
1 kg di pesche Nettarine gialle (il peso si intende già da pulite)
1/2 limone piccolo

NB:
Se si vogliono ridurre i tempi di cottura, si può utilizzare una bustina di addensante come Fruttapec della Cameo o Fruttincasa della San Martino (tanto per citarne un paio) aggiungendolo da subito assieme a tutti gli ingredienti.

Procedimento:
Lavare bene sotto acqua corrente le pesche e tagliarle dapprima a metà prelevando e gettando via il nocciolo quindi in piccole parti e metterle in un tegame capiente.
Ricavare il succo da mezzo limone ed aggiungerlo alle pesche assieme anche allo zucchero.
Accendere il gas a fiamma media e lasciar cuocere il tutto girando spesso con un cucchiaio.
Cuocere fino a quando si sarà raggiunta la consistenza desiderata, se si vogliono abbreviare i tempi si può utilizzare un mini pimer direttamente nel tegame, togliendo quest'ultimo dalla fiamma onde evitare gli schizzi bollenti della confettura mentre bolle.
Nel frattempo sterilizzare i vasetti che verranno poi utilizzati come contenitori.
Metterli in un tegame alto assieme ai loro rispettivi tappi e coprire il tutto completamente con acqua di rubinetto, portare ad ebollizione e contare una buona mezz'ora prima di prelevarli bollenti, farli scolare per por poi versarci la confettura anch'essa caldissima.
Per capire se la consistenza è quella ottimale, basterà utilizzare un piatto in ceramica su cui far scivolare un poco di confettura e se mettendo il piatto in verticale si vedrà che la confettura scivola lentamente e non cola, allora è pronta e si può versarla tranquillamente nei barattoli di vetro sterilizzati.
Chiudere con il tappo e metterli a testa in giù a raffreddare per poi rimetterli nella giusta posizione una volta che saranno del tutto freddi.
Quando sarà stato aperto un barattolo per la consumazione, conservarlo poi in frigorifero per non troppi giorni.


Una simpatica idea è quella di confezionare i barattoli e poi regalarli, come nel mio caso, ai propri cari!


venerdì 14 luglio 2017

Cheese cake al limone e vaniglia!

La Cheese cake per me è un dolce prettamente estivo che permette di gustare una delizia a fine pasto, senza però sudare sette camicie per prepararla.
Con le odiose alte temperature, accendere il forno è come buttarsi a braccia aperte nelle fiamme dell'inferno e quindi negli ultimi anni, in cui il caldo qui a Roma picchia fortemente, ho iniziato ad apprezzare i dolci senza bisogno di cottura, pertanto ode a loro!


Ingredienti per la base da 24 cm:
200 gr di biscotti secchi (nel mio caso Oro Saiwa)
80 gr di burro

Ingredienti per la farcitura:
300 gr di formaggio fresco spalmabile (nel mio caso Philadelphia light)
250 ml di panna fresca da montare, già zuccherata
125 gr di yogurt alla vaniglia
120 gr di zucchero a velo vanigliato
8 gr di colla di pesce
2 limoni medi
2 dita di acqua fredda

Procedimento per la base e la farcitura:
Nella coppa di un mixer sbriciolare finemente i biscotti.
Sciogliere il burro fino a fonderlo del tutto e versarlo su di essi.
Mescolare bene con le mani per amalgamare.
Foderare sia il fondo di uno stampo a cerniera sia le sue pareti, con carta da forno attaccandola con un poco di burro con cui ungere leggermente lo stampo.
Versare il composto di biscotti e burro, distribuirlo in modo omogeneo ed appiattirlo con le mani o col dorso di un cucchiaio in modo che l'intera superficie sia liscia.
Se non si possiede lo stampo a cerniera, si può mettere la base di biscotti direttamente su un piatto da portata su cui si è stato appoggiato il cerchio estensibile regolato sui 24 cm, che andrà poi tolto quando la torta si sarà solidificata completamente, aprendolo semplicemente e tirandolo su delicatamente.
Mettere lo stampo in frigorifero per una buona mezz'ora o se si ha fretta, nel freezer una quindicina di minuti.
Passato questo tempo necessario affinchè la base si solidifichi, mettere la colla di pesce in una ciotolina assieme a due dita di acqua fredda, per ora lasciarla da parte intanto che si ammorbidisce.
Montare abbastanza soda la panna e tenerla in frigorifero.
In una ciotola capiente versare il formaggio fresco, lo zucchero a velo, lo yogurt, la scorza grattugiata di entrambi i limoni ed il succo di uno dei due.
Mescolare bene con una frustina sino a quando si otterrà un composto in cui tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati, quindi aggiungervi la panna montata precedentemente ed incorporare anch'essa fino al suo completo assorbimento.
Versare il composto così ottenuto, sulla base di biscotti e se necessario livellarlo, quindi rimettere lo stampo in frigorifero per almeno 8 ore.
Io l'ho tenuto una notte intera e la mattina successiva ho preparato la gelatina al limone e fatta la decorazione.


Ingredienti per la gelatina al limone:
200 ml di acqua
80 gr di zucchero semolato
2 cucchiai di fecola di patate
1 limone medio
colorante giallo alimentare, in gel, q.b.

Procedimento per la gelatina al limone:
Spremere il succo dal limone e metterlo in un pentolino aggiungendovi lo zucchero, l'acqua e la fecola mescolando bene il tutto con una frustina.
Accendere il fornello a fiamma moderata e porvi sopra il pentolino.
Lasciar scaldare il composto girandolo sempre, aggiungervi gocce di colorante sino ad ottenere la tonalità desiderata e spegnere il gas solo quando la gelatina si sarà addensata.
Farla raffreddare a temperatura ambiente, mescolandola ogni tanto.
Riprendere la cheese cake dal frigorifero e versarvi sopra dal centro tutta la gelatina.
Per spanderla basterà piegare lo stampo leggermente a destra e sinistra per farla andare nella direzione voluta a coprire i punti vuoti.
Riporre quindi in frigorifero e quando la gelatina si sarà raffreddata per bene prelevare la cheese cake dallo stampo aprendo il cerchio e tirandolo su delicatamente, togliere la carta da forno e mettere la torta su un piatto da portata togliendo la carta da forno da sotto la base.
Decorarla a piacere, nel mio caso con fettine di limone e ciliegie candite e tenerla in frigorifero sino al momento del consumo.
Bon Appetit dalla mia adorata Barba family!


venerdì 7 luglio 2017

Spiedini di caprese, freschi e golosi!

Quarto ed ultimo antipastino fresco servito ad i nostri amici Ros e Stefano, in occasione di un sabato passato assieme a cena.
Ricettina scelta dal mio Blade, per la sua particolare presentazione nonostante sia un piatto semplicissimo, è però amato e gradito sempre da tutti: la Caprese!


Ingredienti per 12 spiedini:
pomodori pachino
mozzarelline ovoline
foglie di basilico fresco
sale fino
pepe nero macinato
olio evo
origano secco tritato

Procedimento:
Lavare bene i pomodori e le foglie di basilico quindi asciugare il tutto.
Tagliare verticalmente a metà i pachino ed in due o tre parti il basilico a seconda della grandezza di ogni foglia.
Infilare alternando su ogni spiedino una metà di pomodoro, poi una foglia di basilico quindi una mozzarellina, ancora basilico, metà pachino, basilico, mozzarellina, basilico e chiudere con metà pachino.
Disporre tutti gli spiedini su un bel piatto da portata ovale, irrorare con olio evo e cospargere con origano tritato.
Conservare in frigorifero sino al momento della consumazione e poco prima di servirli in ciascun piatto, salarli leggermente.



martedì 4 luglio 2017

Muffins alla panna, con dolce ripieno!

Adoro utilizzare la panna nell'impasto dei dolci, li rende di una consistenza davvero unica, non si può spiegare, bisogna provare!
In questi Muffins che ho realizzato assieme alla mia grande amica Ros, abbiamo anche aggiunto al loro interno, la confettura pere e zenzero e la crema alle nocciole, entrambe realizzate da me.


Ingredienti:
3 uova medie a temperatura ambiente
100 gr di panna fresca
170 gr di zucchero semolato
100 ml di olio di semi di girasole
260 gr di farina 00
1 bustina di lievito in polvere per dolci
la buccia grattugiata di 1 limone grande
confettura pere e zenzero
confettura mele e cannella
crema alle nocciole

Procedimento:
Accendere il forno, nel mio caso elettrico con funzione tutto ventilato a 170°.
Montare soda la panna e conservarla per ora in frigorifero.
Montare le uova con lo zucchero, aggiungervi l'olio, la buccia grattugiata del limone, il lievito e la farina setacciando entrambi e riprendere a lavorare.
Aggiungere infine la panna con una spatola ed incorporarla delicatamente.
Quando sarà completamente amalgamata, versare l'impasto ottenuto in capienti pirottini di carta, riempiendoli per i 3/4 ed al centro di alcuni versare un cucchiaino di confettura ed in altri invece la crema di nocciole.
Infornare e far cuocere sino a doratura esterna, ci vorranno circa 15/20 minuti.
Una volta pronti farli raffreddare su una gratella, meglio però se gustati ancora tiepidi.

Per visionare il link della crema di nocciole e la confettura pere e zenzero fatte da me, si può cliccare su questo link:
http://barbapasticcetti.blogspot.it/2017/02/confettura-pere-e-zenzero-confettura.html


venerdì 30 giugno 2017

Involtini di pollo e tacchino con ciliegie e vino rosso!

Seguo da anni la mitica Danieluccia del blog Mani in pasta quanto basta e giorni fa, sbirciando tra le sue golose ricette, sono rimasta incuriosita dai suoi Involtini di pollo con le ciliegie.
Avendo in frigorifero entrambi gli ingredienti, mi sono messa subito all'opera ed ho riprodotto la sua delizia, apportando però delle piccole personali modifiche.
Il mio compagno Blade si è leccato i baffi pertanto il risultato è stato più che soddisfacente!


Ingredienti per due persone:
2 petti di pollo
2 petti di tacchino
1 bicchiere di vino rosso 
8 fettine sottili di prosciutto serrano
20/25 ciliegie 
sale fino q.b.
olio evo q.b.

Procedimento:
Battere le fettine di pollo e tacchino con un batticarne quindi salarle ed oliarle su ambo i lati.
Lavare sotto acqua corrente le ciliegie ed asciugarle, dividerle a metà e togliervi il nocciolo.
Adagiare due fettine di prosciutto serrano su ogni fettina di carne e disporvi sopra tre metà di ciliegie, che è in pratica il corrispettivo di una ciliegia e mezza.
Arrotolare su se stessa ogni fettina di carne per formare gli involtini, chiuderli con gli stuzzicadenti ed adagiarli sul fondo di un tegame antiaderente su cui sarà stato versato e sparso uniformemente, un poco di olio evo.
Cuocere a fiamma moderata e con coperchio chiuso ma girando gli involtini prima da una parte e poi dall'altra al fine di farli rosolare sull'intera superficie.
Cuocerli circa 15/20 minuti quindi passato questo tempo aggiungere nel tegame le ciliegie rimaste, spargendole qua e là anche sopra gli involtini e continuare la cottura.
Qualche minuto prima di spegnere il fornello, aumentare un poco la fiamma e versare il vino.
Farlo sfumare ed infine spegnere il tutto.
Servire subito nei piatti e Bon Appetit!

ù